• Alice

Cotognata: pomeriggi di neve sottovuoto


«C'è la neve nei miei ricordi, c'è sempre la neve.

E mi diventa bianco il cervello se non la smetto di ricordare.»


E' arrivato l'inverno, per davvero!

Oggi i primi fiocchi di neve stanno colorando la città, facendo risaltare più che mai le luminarie accese, i chiostri di caldarroste e gli alberi addobbati a festa.


Nei pomeriggi così non potrei chiedere altro che una fetta di pane tostato spalmata con un velo di confettura. E non una confettura qualsiasi: la cotognata.

Frutto dall'estetica discutibile, ma dal sapore sorprendente. La buccia è ricca di pectina, il che rende la mela cotogna un ingrediente perfetto per confetture e mostarde.


Chiudete gli occhi e ascoltate il bollore della pentola dove lo zucchero sta mutando in caramello, il tintinnio dei vasetti di vetro che si sterilizzano in acqua bollente.

Ri-apriteli e osservate il colore della mela cotogna che, lentamente, diventa rosso acceso.





Da questa ricetta si ricavano circa 4 barattolini da 200g di prodotto.

Riciclate dei vasetti di salse, yogurt, o altri ingredienti di uso quotidiano. Potreste decorarli, etichettarli e regalarli per Natale.


Ingredienti:

-1kg di mele cotogne mature;

-250g di zucchero semolato;

-il succo di un limone intero;

-acqua q.b.


Procedimento:

Sciacquate le mele sotto l'acqua corrente e tamponatele con un panno.

Tagliatele in quattro spicchi: eliminate il torsolo e i semi, poi riducetele in tocchetti.

Poneteli in una ciotola con il succo di limone e lasciate macerare per un paio di minuti, mescolando con un cucchiaio.


Prendete una pentola capiente e ponete le mele all'interno. Aggiungete lo zucchero.

Coprite le mele con acqua corrente, a filo, poi cuocete su fiamma dolce, rimestando di tanto in tanto. Le mele dovranno colorarsi di rosso vivo.


Cuocete per un'ora circa, o finchè le mele non saranno tenere, quasi sfatte.

Riducete in un purea con un frullatore ad immersione e versate la cotognata bollente all'interno dei vasetti precedentemente sterilizzati*.


Ponete i vasetti a testa in giù a raffreddare, così da creare il sottovuoto.


Dal momento dell'apertura conservate in frigorifero e consumate la cotognata entro quattro o cinque giorni.


*Come sterilizzare i vasetti in pentola.

Lavate i vasetti sotto l'acqua corrente e asciugateli bene all'interno.

Poneteli in una pentola larga con l'apertura rivolta verso l'alto, insieme ai coperchi.

Tra un vasetto e l'altro ponete dei canovacci puliti, per evitare che nel bollore possano scontrarsi e rompersi. Riempite d'acqua la pentola, fino a coprire i vasetti.

Portate a bollore e proseguite per trenta minuti, poi spegnete la fiamma e lasciate i vasetti nella pentola.

Prima di riempirli di confettura asciugateli fuori e dentro.

8 visualizzazioni

© 2019 BIO.LOGICA - Creato con Wix.com